Blog - Personal Diet

Bring to the table win-win survival strategies to ensure proactive domination. At the end of the day, going forward, a new normal that has evolved from generation.
cooks-842244_1920.jpg
febbraio 18, 20170

Se tuo figlio mangia uno di questi sei alimenti, forse dovresti leggere perché è meglio cambiare subito le sue abitudini nutrizionali.

Si sa un bambino dalle guance paffute e l’aspetto tondo è stato considerato, in passato, esempio di salute e bellezza, ma è bene fare attenzione perché l’alimentazione del vostro bambino, già da oggi, ed in particolare alcuni nutrienti o sostanze, hanno il potere di interagire con il DNA e di lasciare un’impronta, creare un danno, che determinerà la sua salute futura. Oramai, si sa, un bambino obeso sarà un adulto obeso, ma soprattutto cattive abitudini alimentari, sovrappeso, sedentarietà, sono i mattoni che formeranno nel suo futuro la possibilità di avere patologie cardiovascolari, disturbi scheletrici, malattie metaboliche etc, e persino abbastanza precocemente.

Cosa possiamo fare per proteggere i nostri figli?

Alla domanda, medici e nutrizionisti, rispondono da tempo: aumentare l’attività fisica, giocare all’aria aperta anziché stare ore seduti davanti alla televisione, educarli a mangiare di tutto senza costringerli mai a “pulire il piatto” (un bambino sente la fame proprio come voi, e sa quanto mangiare!), ma soprattutto regalargli un’educazione alimentare che potrà guidarlo nelle scelte presenti e future.

Quello che molti genitori non sanno è che ci sono alimenti che andrebbero limitati, se non eliminatati del tutto, dalla dieta dei bambini. Vediamoli insieme.

1. CARAMELLE

fruit-jelly-539695_1920

Si sa che i bambini ne vanno ghiotti, ma avete mai provato a capire di cosa è fatta una caramella? Zucchero ovviamente e, a seconda della caramella, aromi (naturali o artificiali), latte, cacao, agglutinanti, coloranti. Fine. E lo zucchero bianco, può essere considerato un nutriente? Naturalmente no. Insomma, senza creare allarmismi o estremismi, una caramella ogni tanto delizia il palato e rende allegri, ma certo non può fare parte della dieta quotidiana di un bambino né rappresentare un pasto (pacchi di caramelle per merenda, ad esempio!), poiché si sta ingerendo semplicemente zucchero. E lo zucchero bianco, il saccarosio, una volta ingerito viene assorbito come glucosio e come fruttosio; il primo una volta il circolo determina l’aumento della glicemia e il rilascio di insulina, meccanismi fisiologici che però, giorno dopo giorno, portano all’aumento del peso corporeo e ad altri squilibri.

Anche il dentista ci dà ragione! Problemi di carie negli adolescenti o nei bambini, spesso derivano da una dieta troppo ricca di zuccheri semplici.

2. BEVANDE ZUCCHERATE

orange-166826_1920

Come sopra. Che si tratti di “succhi di frutta” (che, basta leggere l’etichetta, di frutta hanno appena una piccola percentuale), thè, bevande gasate (cola varie, aranciate etc), spesso dimentichiamo di considerarle come veri e propri alimenti capaci di apportare numerose calorie, determinare importanti picchi glicemici e l’aumento di quella “pancetta” che avete visto ultimamente nel vostro bambino.

Chi non ha mai pensato che, dando un “succo di frutta” per merenda al proprio bambino, stesse facendo la cosa giusta? Siamo stati abituati a considerare “sano” tutto ciò che in qualche modo deriva dalla frutta, ma non è così. Anche qui, consiglio caldamente di leggere sempre le etichette degli ingredienti. Esistono in commercio succhi di frutta fatti di: frutta (in ottima percentuale), acqua, acido citrico (succo di limone per evitare l’ossidazione del prodotto). E basta.

Lo stesso discorso vale, purtroppo, per tutte le bevande gasate. Piene di zuccheri, additivi, e nemmeno le versioni “light”, in cui vengono utilizzati i dolcificanti, sono raccomandabili. Inoltre, i dolcificanti assuefanno al sapore dolce, spingendoci sempre alla ricerca di cibi che diano la stessa sensazione (e quindi vari dolciumi): insegnate al vostro bambino a non dipendere dagli zuccheri, ad apprezzare il sapore naturale delle cose, e gli farete un dono cui vi sarà per sempre grato.

Cosa bere, dunque, se non l’acqua? Centrifughe di frutta e verdura, spremute di frutta fatte in casa (anche se il piacere e il benessere di mangiare un frutto ricco di fibre che dona anche sazietà non dovrebbe essere sottovalutato mai), infusi da gustare anche freddi (in commercio ce ne sono di tutti i tipi, adatti anche ai più piccoli) e, ovviamente… senza zucchero aggiunto!

Qualche dato: Un importante studio dell’American Heart Association’s, dichiara che “Solo nel 2010, negli Usa 25mila decessi sono collegati all’abuso di zucchero da “lattina”: 133mila per diabete, 44mila per attacchi cardiaci, 6mila per tumore.”

fonte: http://healthland.time.com/2013/03/20/sugary-beverages-linked-to-deaths-worldwide/?iid=hl-main-lead

3. MERENDINE

bun-268237_1920

Ne esistono di tutti i tipi ed è difficile trovare qualcuno che resista davanti ad un soffice plumcake confezionato. Ma la regola è: limitarne il più possibile.

Iniziamo dal presupposto che, la merenda, dovrebbe essere uno snack consumato nel pomeriggio, come spezza fame tra pranzo e cena; certamente sarebbe il momento migliore per ingerire cibi leggeri, ricchi di fibre, magari anche vitamine e sali minerali, e non al contrario ricchi di zucchero.

L’INRAN, Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, ci fornisce delle preziose indicazioni sulla “sana merenda”, tra le quali: “Varia spesso la tua merenda, in modo tale da variare anche i nutrienti che ti fornisce: una porzione di frutta secca, o un frullato, o uno yogurt, on un piccolo panino dolce o salato, o 3-4 biscotti.” oppure “Ricorda che su prodotti confezionati, come le merendine dolci da forno, puoi leggere in etichetta il valore nutritivo. Ad esempio, una merendina può contenere mediamente da 120 a 200 Kcalorie. Leggere l’etichetta ti aiuterà a mangiarne la quantità giusta.”

Cosa c’è nelle merendine? Farina, uova (spesso derivati in polvere, quasi mai fresche!), zucchero, latte, burro come base, numerosi tipi di oli ( spesso idrogenati), additivi (aromi, conservanti e coloranti).

La soluzione in questo caso è: scegliere la merendina giusta, quella con la lista degli ingredienti più breve, ad esempio, senza grassi idrogenati. Variare il più possibile, decidendo quante merendine a settimana concedere al bambino. Preparare in casa un dolce per essere sicuri della natura delle materie prime, senza esagerare perché si tratta comunque di cibi dolci.

4. JUNK FOOD

food-1081707_1920

 

È sbagliato festeggiare il compleanno del nostro bambino in un fast food? No, è sbagliato se questo diventa una routine. L’hamburger, classico o arricchito di salse speciali e formaggi, è un piacere, perché rinunciarci? Il vero problema è proporre ai nostri figli questo tipo di alimentazione ogni giorno, far passare il messaggio che sia “salutare” in senso stretto. Se è vero che un bel panino ogni tanto non fa male, è pur sempre vero che carne abbrustolita, patatine fritte in oli di scarsa qualità spesso riusati sino a diventare tossici, salse piene di additivi, l’eccesso di formaggi, trasformano un piacere in qualcosa di molto, molto pericoloso. Basti pensare all’epidemia di obesità dilagante nelle grandi città in cui questo tipo di cibo è la scelta primaria. Quindi, limitare a pochi episodi al mese le visite nelle hamburgerie, dando spazio a locali che offrono grande qualità! Si può mangiare un ottimo hamburger con materie prime selezionate ad ottimo prezzo, ed è quello cui dovremmo cercare di puntare ogni giorno.

5. CREMA ALLA NOCCIOLA

9527485915_6baab1388c

Che appartenga ad una grande marca o meno, la crema di nocciola è uno dei prodotti meno salutari che si trovano sui banchi dei supermercati. Sul banco degli imputati, olio di palma, grassi idrogenati ed eccesso di zuccheri. Avete mai letto l’etichetta del barattolo della crema di nocciola che avete appena comprato? Gli ingredienti sono scritti in ordine di quantità (dal maggiore al minore), e spesso il primo ingrediente è lo zucchero, seguito dall’olio e da un triste 8-15% di nocciole. Insomma, è una crema di olio e zucchero al gusto di nocciola! Diversi invece sono quei prodotti senza oli aggiunti che prevedono contenuti di nocciola molto alti, anche più del 50%! In questi casi, premiate pure i vostri bambini con del pane e crema di nocciola ogni tanto!

6. ZUCCHERO BIANCO

sugar-cube-258116_1280

Dopo quanto detto, non pensate sia davvero inutile, oltre che dannoso, considerati tutti i cibi in cui lo zucchero se ne sta ben nascosto, aggiungerlo al té, al latte o alle spremute dei nostri bambini? O ancora, far mangiare la “zolletta di zucchero” o la bustina di zucchero del bar?

A voi la risposta!

Hai bisogno di idee, una guida, delle informazioni su cosa far mangiare al tuo bambino o come fare a rendere più appetibili i piatti più sani? Vuoi qualche idea golosa per delle merende genuine? Contatta un dietista o un nutrizionista!

Dott.ssa Deborah Fedele

Dietista Nutrizionista

dd.jpg
febbraio 8, 20170

Sarà successo a tutti: tanti buoni propositi, dieta ferrea, impegno costante e rinuncia a tutto quello che potrebbe intaccare la perdita di peso, eppure, la lancetta della bilancia non si muove e voi non perdete un etto o, a volte, vedete il peso oscillare sempre su quei 500 grammi in più o in meno.

Vi starete chiedendo: perché non dimagrisco se sono a dieta? Ma forse state commettendo senza saperlo uno di questi errori…

1. Mangiate troppo poco.

Un’alimentazione troppo povera di calorie, le tanto osannate diete ipocaloriche insomma, alla lunga, non funzionano. Si può perdere del peso, inizialmente, ma prima o poi si arriverà al temuto blocco: è solo una difesa da parte dell’organismo. Vedendosi privato dell’energia inizierà a ridurre il più possibile gli sprechi energetici, come il metabolismo basale, per esempio, perché non vuole assolutamente rilasciare le sue scorte energetiche preziose e si fa bastare la poca energia che gli date con il cibo. Insomma, se vi dimezzassero improvvisamente lo stipendio anche voi cerchereste di ridurre gli sprechi anziché attingere ai vostri risparmi, no? Dunque la soluzione è evitare le diete fai da te e pensare di andare avanti ad insalate, e rispettare il proprio fabbisogno calorico giornaliero.

Non conosci il tuo fabbisogno calorico giornaliero? Parla con i nostri nutrizionisti! Vieni a conoscere il nostro team!

2. Avete eliminato completamente i carboidrati.

Il fabbisogno di glucosio quotidiano dell’organismo ammonta a circa 200 gr al giorno. Togliere totalmente pasta, pane, frutta, patate e altri carboidrati è interpretato dall’organismo come una carenza energetica che, anche se inizialmente può portare alla perdita di peso, alla lunga determina la riduzione del metabolismo e del dispendio energetico giornaliero. Carboidrati sì, carboidrati no? Carboidrati sì, ma non troppi, e soprattutto quelli giusti.

3. Mangiate riso bianco ogni giorno perché “è leggero”

Spesso sento dire: sono a dieta, mangio riso e pollo così dimagrisco. Se anche voi la pensate così, sappiate che il riso bianco ha un indice glicemico molto alto; ciò determina picchi glicemici dopo il pasto cui risponde un rapido rilascio d’insulina che, per riportare i livelli di glicemia nella norma, spinge tutto questo zucchero ingerito nelle riserve: forma il vostro adipe, insomma. Questo non vuol dire che non bisogna mangiare riso, anzi i cereali a chicco sono ottimi per la salute, ma integrale e comunque all’interno di scelte alimentari varie.

4. State mangiando troppa frutta.

La frutta è un alimento buono e sano, il dolce “naturale” che la natura ha da offrirci ma, come tutto, è bene non esagerare. Troppa frutta (e per troppa si intende più di 300-400 gr per volta), e soprattutto la dieta a base di sola frutta, è da evitare. Lo zucchero contenuto nella frutta, il fruttosio, stimola poco il rilascio di l’insulina perché non determina un elevato innalzamento della glicemia; questo da una parte ci favorisce, dall’altra no perché non determina il senso di sazietà. Inoltre, eccedendo con l’introito di fruttosio si osserva (analogamente ad altri carboidrati) una spiccata sintesi epatica di acidi grassi che verranno poi immagazzinati come riserva adiposa.

Non sai cosa mangiare negli spuntini? Vieni sulla nostra pagina Facebook, ogni giorno tanti nuovi consigli!

5. Non fate attività fisica.

Facciamocene una ragione: se vogliamo perdere quei chili di troppo e stare bene, l’attività fisica è imprescindibile. Sia l’attività aerobica che l’anaerobica ci vengono in aiuto. Mettere a lavoro i muscoli e rinforzarli determina un maggior dispendio energetico ossia un aumento del metabolismo duraturo, senza contare la spesa necessaria durante l’attività stessa. Via libera alle passeggiate a passo sostenuto, alla corsa, allo sport in generale e alla ginnastica!

6. Mangiate troppi cibi industriali

Di certo non lo avreste mai detto, eppure il vostro hamburger vegetale è ricco di oli (spesso grassi trans) e di sale, lo stesso quel succo di frutta che vi sembrava più salutare (ricco di zuccheri, capace di innalzare la glicemia più di un frutto senza dare lo stesso senso di sazietà dovuto alla presenza delle fibre), o quel pane in cassetta “integrale” che, se leggete l’etichetta, scoprirete contenere alcol, sale, strutto etc.

Leggete sempre le etichette di ciò che acquistate, e proteggetevi dalle diete fai da te e dalle mode alimentari! Ricordatevi sempre che l’aiuto che può darvi un professionista è fondamentale.

 

Se hai qualcosa da chiederci, contattaci!

 

Dott.ssa Deborah Fedele

Dietista specializzata in Alimentazione e Nutrizione Umana

photo_2017-02-04_22-07-37-1280x959.jpg
febbraio 4, 20170

In inverno, si sa, il cavolfiore è una delle verdure più versatili; è perfetto nelle zuppe, nelle vellutate, al vapore e, perché no, per fare delle deliziose polpettine vegetali! Sono ottime per chi segue un’alimentazione vegetariana, ma anche per chi vuole ridurre le proteine animali o gustare un piatto sano e goloso. Ecco gli ingredienti per circa ventiquattro polpettine di cavolfiore.

Ingredienti

  • 1 Kg di cavolfiore crudo
  • 1 uovo
  • Pangrattato q.b
  • Parmigiano q.b
  • Sale q.b
  • Spezie a piacere
  • Formaggio filante (meglio provoletta).

Procedimento.

  1. Lavare e lessare il cavolfiore. Una volta ben cotto, scolarlo per bene nel colapasta e schiacciarlo con una forchetta per eliminare l’eccesso di acqua.
  2. Lasciar freddare.
  3. Aggiungere al cavolfiore: un uovo, il sale, il parmigiano, eventualmente pepe o altre spezie, infine il pangrattato. Quest’ultimo serve per dare all’impasto la giusta consistenza (non troppo umida, o si sfalderanno le vostre polpettine, ma nemmeno secca).
  4. Mischiare per bene, poi prendere un pugnetto di impasto e schiacchiarlo bene tra i palmi delle mani. Inserire al centro dell’impasto un quadratino di formaggio filante, dunque ricoprire con ulteriore impasto.
  5. Formare delle palline da schiacciare appena. Passare la nostra polpettina nel pangrattato, in modo da panarla.
  6. Una volta formate tutte le palline, cucinare in forno a 180° per circa 20-25 minuti, girando a metà cottura.

Ecco, le vostre polpettine sono pronte! Potete anche congelarle da cotte e gustarle in altri momenti, restano buonissime!

In alto un video per la ricetta:

 

Buon appetito!

Dott.ssa Deborah

 

 

 

 

P_20161218_130252-1280x720.jpg
gennaio 29, 20170

Ciao a tutti, oggi vi presento uno dei miei piatti preferiti: gli spaghetti alle cozze!

Un modo buono, sano, tradizionale, di gustare uno dei tesori del mare (le cozze) e un buon piatto di spaghetti. A dispetto di quanto si possa pensare, questo delizioso piatto è anche light!

Ecco cosa vi servirà!

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 kg di cozze fresche o surgelate;
  • 1 ciuffo di prezzemolo tritato;
  • 4 cucchiai d’olio evo;
  • 1 bustina di zafferano;
  • 320 gr di spaghetti, preferibilmente integrali
  • 2 spicchi d’aglio
  •  Qb pepe

P_20161218_124900  IMG-20160513-WA0014_1 (1)

 

 

 

 

 

 

Preparazione

  • Pulite le cozze, sciacquatele sotto l’acqua, eliminate le impurità e il bisso che trovate ad ogni cozza, tirandolo con le dita.
  • Ponete le cozze in un ampio tegame e coprite con un  coperchio, cuocete per 5 minuti, cosi da permettere alle cozze di schiudersi totalmente.
  • Nel frattempo, tritate il prezzemolo.
  • Separate le cozze dal guscio e ponetele in un piattino. Filtrate il liquido presente nel del tegame in cui avete cotto le cozze, ponetelo in un bicchiere e sciogliete la bustina di zafferano.
  • In un padella mettete l ’aglio, l’olio evo e cuocete per 2 minuti.
  • Unite le cozze, metà del prezzemolo precedentemente tritato, il liquido filtrato dalle cozze con lo zafferano e cuocete per circa 10 minuti a fuoco basso.
  • Nel frattempo mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua, appena arriva a bollore, salate e aggiungete gli spaghetti.
  • A cottura ultimata unite gli spaghetti scolati alle cozze e fate insaporire per 3-4 minuti.
  • Impiattate e servite gli spaghetti con una spruzzata di prezzemolo e pepe.

Buon appetito!
P_20161218_130252

 

Dott.ssa Angela

 

 

9mzcd76xlgk-alice-donovan-rouse-1-1280x855.jpg
gennaio 17, 20170

Siete vegani o intolleranti al lattosio e non sapete come integrare il calcio? Non conoscete le fonti vegetali di calcio? Leggete questo articolo per scoprire dove trovarlo anche senza mangiare formaggi!

IL CALCIO…

Il CALCIO è un prezioso minerale per il nostro organismo, capace di scongiurare o ritardare l’osteoporosi e la demineralizzazione ossea,  svolge così tante funzioni nel corpo umano che ogni giorno è necessario introdurlo, tramite l’alimentazione, nelle giuste quantità. Latte e derivati sono noti per apportarne una quota elevata ma spesso diete ipocaloriche, intolleranze, stili o credo alimentari ne riducono l’utilizzo.

 A COSA SERVE IL CALCIO?

 Il calcio è molto importante per la regolazione enzimatica, per il sistema nervoso, per la proliferazione cellulare, per la coagulazione sanguigna, per la mineralizzazione di ossa e denti.

Poiché la nostra è una generazione destinata a vivere più a lungo grazie all’aumento della qualità della vita, è importante proteggersi preventivamente dalle malattie della terza età, come l’osteoporosi. Un’adeguata assunzione di calcio durante la crescita e, in seguito, nell’età adulta, è protettiva verso tale, diffusa malattia, ecco perché non bisogna mai trascurarla.

  1. PERCHÉ SCEGLIERE UNA FONTE VEGETALE?

 

Sia per variare e arricchire la propria alimentazione, sia per sostituire latte e derivati per chi non può o non vuole, per scelte, gusti, cultura, assumerli.

Recenti studi, inoltre, dimostrano il vantaggio della riduzione di latte e derivati per molti motivi:

 

  • Sono spesso prodotti ricchi di grassi saturi;
  • Il calcio proveniente da essi non è facilmente assorbibile da parte del nostro organismo;
  • La digestione di tali alimenti richiede la sottrazione di calcio e di altri minerali alcalini dalle nostre ossa, a causa di una eccessiva acidificazione dell’organismo;
  • La loro assunzione elevato potere infiammatorio sull’organismo.

 

3. FONTI VEGETALI DI CALCIO: ECCO QUALI!

Andiamo a vedere dove possiamo trovare elevate quantità di calcio, capaci di coprire i fabbisogni (che variano nelle varie età e situazioni fisiologiche e patologiche).

LE ALGHE

vegetarian-1139810_1920

Di particolare interesse sono le alghe, per l’elevato contenuto in sali minerali e il rapporto equilibrato           calcio-fosforo. Come puoi utilizzarle? Per esempio coi legumi (aggiungendone un pezzetto sia in ammollo che durante la cottura), in quanto li rendono maggiormente digeribili e morbidi. Inoltre sono indicate per la preparazione di zuppe e minestre, poiché ne arricchiscono gusto e sapidità.

SEMI DI SESAMO

sesame-1627005_1920

I semi di sesamo sono tra gli alimenti vegetali più ricchi di calcio. Una porzione da 100 gr di semi di sesamo crudi contiene infatti 1000 mg di calcio. La crema di sesamo o burro di sesamo, denominata anche Thain, può contenere fino a 400 mg di calcio per ogni porzione da 100 grammi!

Come assumerli? Prova a metterne una spolverata nelle tue insalate o nelle zuppe di verdura o usalo, insieme al pangrattato, per le panature. Il suo gusto deciso darà più sapore al tuo piatto.

SEMI DI CHIA

yogurt-1235353_1920

I semi di Chia sono ricchi di calcio oltre che di acidi grassi omega-3 ed omega-6. Una porzione da 100 grammi di semi di Chia può contenere oltre 600 milligrammi di calcio.

Come usarli? Prova a metterli nelle insalate o aggiungili al tuo muesli, nella colazione del mattino. Un’altra golosa idea è quella di realizzare il pudding ai semi di chia.

CAVOLO VERDE E SPINACI

top-view-1248955_1920

Spinaci e cavolo verde sono tra i vegetali a foglia verde che presentano il maggior contenuto di calcio, oltre ad essere una fonte preziosa di acido folico. Una porzione da 100 gr di spinaci contiene 56 mg di calcio. Una porzione da 100 gr di cavolo verde contiene 139 mg di calcio. Per quanto riguarda gli spinaci l’elevata quantità di vitamina K contenuta al suo interno mantiene le nostre ossa in salute poiché aiuta a modulare l’attivazione degli osteoclasti, ossia un gruppo di cellule specializzate nella degradazione dell’osso. Inoltre, il calcio (90 mg per 100g) e il magnesio presenti negli spinaci rappresentano un’ottima fonte di nutrienti per il sostegno dell’ossatura.

 SEMI DI LINO

flax-seed-1274944_1920

 

I semi di lino presentano un elevato contenuto sia di calcio che di acidi grassi essenziali omega-3. Per quanto concerne il calcio, una porzione da 100 gr di semi di lino ne contiene 256 mg. I semi di lino possono essere consumati crudi, precedentemente tritati, o una volta germogliati. Metteteli in tutte le insalate e regalatevi la vostra piccola dose di benessere.

QUINOA

quinoa-1822176_1920

 

La quinoa è una pianta erbacea particolarmente ricca di calcio. Una porzione da 100 gr di chicchi di quinoa cotta può contenere tra i 60 e i 100 mg di calcio. La quinoa inoltre presenta un contenuto elevato di potassio, zinco e proteine.

La quinoa è un ottimo sostituto del riso e degli altri cereali! Cucinala con un mix di verdure, a caldo o a freddo. Noi ti consigliamo un’insalata fredda di quinoa, zucchine, melanzane e pomodorino. Un misto di fibre, gusto e salute da non perdere!

ARANCE

 

Un bicchiere di succo d’arancia fresco ed appena spremuto può offrire un apporto di calcio pari a circa 70 milligrammi. L’elevato contenuto di vitamina C presente nelle arance potrà essere d’aiuto all’organismo nell’assorbimento sia del calcio che del ferro, altro minerale essenziale per il suo funzionamento.

LEGUMI

Altra fonte vegetale di calcio sono i legumi, che andrebbero consumati anche per via del loro apporto di proteine e di ferro. I fagioli bianchi contengono circa 170 mg di calcio per 100 gr, le lenticchie ne contengono circa 50 mg ogni 100 gr, mentre i fagiolini ne contengono circa 70 mg per porzione (100 gr).

MANDORLE

Una manciata di mandorle contiene 180 mg di calcio, circa il 20% della dose giornaliera consigliata.

Anche la frutta secca o essiccata presenta un contenuto di calcio non di certo trascurabile. Ci riferiamo particolarmente alle mandorle, che ne contengono ben 266 mg ogni 100 gr. Consumarne cinque al giorno garantisce un apporto quotidiano di calcio pari a 135 mg.

 TOFU

Tra le migliori fonti vegetali di calcio c’è il tofu, un alimento a base di soia tipico della dieta vegetariana e vegana che è fatto cagliare in modo da coagulare le sue proteine e in seguito pressato. Questo alimento contiene una varietà di nutrienti: è una fonte eccellente di calcio in quanto 100 g ne contengono quasi 150 mg, infatti è in grado di aumentarne l’assorbimento.

CIME DI RAPA

L’elevato contenuto di calcio (200 mg in 100 g) rappresenta il motivo principale per cui questo alimento ha un sapore amaro.

 

La natura ci offre sempre preziose e salutari alternative, la regola è variare, variare, variare!

Non sei sicuro di introdurre il giusto apporto di calcio in relazione alla tua età ed al tuo stato di salute? Non dimenticarti di rivolgerti al tuo nutrizionista di fiducia, evitando il fai da te.

Dott.ssa Giulia Florio

 

risotto.jpg
gennaio 17, 20170

Inverno e profumi di stagione: che ne dite di un gustoso, sano e leggero risotto alla verza?

Tra tutti gli ortaggi invernali, la verza capeggia tra quelli che noi di Personal Diet suggeriamo, poiché ricca di antiossidanti, di fibre, con capacità di riduzione del colesterolo e miglioramento della funzionalità digestiva. Inoltre è davvero versatile in cucina!

Oggi vi presentiamo questo goloso risotto. Iniziamo!

Ingredienti per 4 persone

350 gr di riso

200 gr di verza

1 cipolla tritata

1/2 bicchiere di vino bianco

Qb sale

2 cucchiai di olio evo

100 gr di prosciutto a tocchetti (facoltativo)

Per il brodo

1,5 L d’acqua

1 cipolla

1 patata

1 carota

1 gambo di sedano

3 pomodori

1 ciuffo di prezzemolo

1 cucchiaio di semi di finocchietto

Qb sale

Qb pepe

2 cucchiai d’oilo evo

Per mantecare

4 cucchiai rasi di parmigiano (sostituibile con della ricotta)

2 cucchiai d’olio evo

Procedimento

PER IL BRODO

  1. Cominciate preparando il brodo vegetale. Mondate le verdure e tagliatele a pezzi piuttosto spessi.
  2. Mettete le verdure in una pentola alta aggiungendo sale, pepe, semi finocchietto e olio, e coprite con l’acqua. Accendete la fiamma e portate a bollore. A questo punto, abbassate la fiamma e fate sobbollire per circa mezz’ora.

1a1b

 

 

 

 

 

PER IL RISOTTO

  1. Mondate la verza, lavatela e tagliatela a striscioline.
  2. Tritate la cipolla.
  3. In un tegame mettete l’ olio, la cipolla tritate e la verza e fate appassire per 10 minuti. Salate a piacere.
  4. A questo punto unite il riso e lasciate tostare per due minuti. Sfumate con il vino e fate evaporare completamente.

1d     1c

5. Versate il brodo bollente nella pentola e fate cuocere per 20 minuti.

6. Quasi a fine cottura, aggiustate di sale e aggiungete i tocchetti di prosciutto (facoltativi, noi lo abbiamo fatto senza!).

7. Spegnete il fuoco e mantecate con formaggio (per noi parmigiano) e servite immediatamente.

Fateci sapere se lo proverete! Buon appetito!

Dott.ssa Angela Valentino

 

t1xlqvdqt_4-deniz-altindas-1280x1920.jpg
gennaio 17, 20170

Arriva per tutte: la menopausa è un periodo fisiologico della vita con cui prima o poi noi donne dobbiamo fare i conti, con tutti le sequele che porta con sé. Tra i vari sintomi ed effetti, uno dei più temuti dalle donne è l’incremento ponderale. Cosa avviene? Perché l’odiato ago della bilancia si sposta in su? E come fare per prevenirlo? Scoprite come NON ingrassare in menopausa leggendo questo articolo.

COSA MI SUCCEDE?

L’umore va giù, vi sentite stanche e irritabili, vi sembra di non essere più le stesse. In questo periodo il calo degli ormoni tipici della donna in età fertile causa numerosi disturbi, sia sul tono dell’umore che fisici, ma ci sono buone notizie:

  • non durerà per sempre;
  • l’intensità dei sintomi è variabile e gestibile;
  • esistono terapie che possono aiutarvi, parlatene con il vostro medico;
  • Alla fine di questo percorso, imparerete a conoscere una nuova voi.

 

COSA SUCCEDE AL MIO CORPO?

 

  1. AUMENTO DELL’ADIPE.

Gli ormoni femminili, che per tanti anni vi hanno “regalato” il ciclo mestruale e il loro effetto protettivo su ossa, muscolo, vasi sanguigni, sono in calo. Significa che da ora in avanti con il passare degli anni dovrete stare più attente ed imparare a farne a meno. Una delle prime cose che noterete, sarà la riduzione della massa muscolare a favore del tessuto adiposo. Vi sembrerà una tragedia, ma l’evoluzione ha pensato anche a questo. Nella terza età infatti, avere più adipe diventa protettivo verso i più comuni traumi che possiamo procurarci: le fratture. Ecco dunque che il nostro adipe ci aiuta ad attutire gli eventuali colpi.

  1. CALO DELLA MASSA MUSCOLARE

La massa muscolare è destinata a ridursi con l’età, sia nell’uomo che nella donna. Come diretta conseguenza si riduce il fabbisogno calorico giornaliero e la capacità di “bruciare” energie. Significa che, pur mangiando le stesse cose e se, soprattutto, siete tentate di mangiare qualche dolcetto per tirarvi su di umore, ingrasserete.

  1. AUMENTO DELL’APPETITO

“Ingrassare” non è sempre una diretta conseguenza della meno pausa, ma c’è una forte correlazione anche in virtù dell’aumento dell’appetito, in particolare della voglia di dolci. Sta’ tranquilla, è tutto fisiologico! Il calo dell’umore può influenzare ed orientare le scelte alimentari, ma non devi mangiare meno: semplicemente mangiare meglio.

  1. AUMENTO DEL RISCHIO CARDIOVASCOLARE

Purtroppo, gli estrogeni che ci hanno tutelate fino ad ora non svolgeranno più il loro compito. In questi anni il rischio cardiovascolare aumenta progressivamente, ecco perché bisogna essere accorte nella propria alimentazione, nello stile di vita, smettere di fumare.

  1. PERDITA DI MASSA OSSEA.

Anche l’osso risente della menopausa, così come della vecchiaia in generale. L’osteoporosi è la conseguenza della demineralizzazione dell’osso.

            COSA POSSO FARE, DUNQUE, PER

NON INGRASSARE IN MENOPAUSA?

  1. Aumenta l’attività fisica.

Prenditi tempo per te, ogni giorno. Sia per una passeggiata a passo svelto, che non dovrebbe mai essere saltata, sia per allenarti, almeno due volte a settimana, sul mantenimento della potenza del muscolo. Ciò andrà a ridurre la fisiologica perdita di massa muscolare e l’eccessivo aumento di adipe. In oltre, ti farà bruciare molta più energia!

  1. Segui un piano alimentare equilibrato.

Bevi molta acqua, scegli fonti nutrizionali sane, variate, non troppo grasse, metodi di cottura salubri. Mangia molta verdura e inserisci almeno due frutti al giorno, scegli i cereali integrali, il pesce, i legumi, grassi sani come quelli dell’olio extravergine d’oliva e del pesce. Fai tre pasti al giorno senza mai trascurare la colazione, e due spuntini a base di frutta, verdura o frutta a guscio.

Se hai dubbi, non perdere tempo: fatti seguire da un nutrizionista! Ti aiuterà a conoscere il tuo fabbisogno calorico, i cibi adatti a te in questa delicata fase, dei trucchetti per “svegliare” il metabolismo! Contattaci per una consulenza, siamo specialisti in materia.

  1. Proteggi il tuo cuore.

A parte l’attività fisica, l’alimentazione corretta e l’abolizione del fumo di sigaretta, tieni sotto controllo la tua pressione e fai, almeno una volta all’anno, le analisi ematiche di routine, come ad esempio quelle volte al controllo del colesterolo e dell’omocisteina ematici.

  1. Proteggi le tue ossa.

Assumi le corrette quantità di calcio e vitamina D, ogni giorno! Non sa da dove prendere il calcio che ti serve? Leggi il nostro articolo sulle fonti vegetali di calcio (QUI), e rivolgiti al tuo medico per capire se ti serve un’integrazione di vitamina D.

  1. Voglia di dolce? Fatti furba!

La voglia di dolce, ogni tanto, deve essere assecondata. Orientati verso scelte intelligenti: il cioccolato fondente 85% minimo può essere un grande alleato in certi momenti (conosci, ad esempio, i cestini di mandorle al cioccolato? Qui la ricetta!), i Dorayaki Light (QUI la nostra ricetta) una colazione alternativa golosa ma proteica, la mela cotta speziata di cannella una compagnia nelle serate d’inverno, le bacche di goji sono dolci e sane da spizzicare, le barrette fatte in casa (a base di soli cereali, miele e frutta a guscio) una merenda golosa e sanissima. Ci sono inoltre tisane ai frutti di bosco (profumate e buone!)

Dott.ssa Deborah Fedele

 

Foto-02-10-16-20-30-54-1-1280x1707.jpg
gennaio 8, 20170

Buona sera amici! In queste fredde giornate di Gennaio, scampate le festività e le cene laboriose, vi proponiamo un piatto buonissimo, caldo e, ovviamente, perfetto per una sana alimentazione: la crema di zucca!

Il risultato è un piatto dolce, buono, che soddisferà tutti.

Cominciamo!

INGREDIENTI (per circa 4 persone):

400 g di zucca rossa
4 cipolle rosse
menta
olio
sale
pepe

PROCEDIMENTO PER LA VELLUTATA:

  1. Tagliare la zucca e la cipolla a pezzi, aggiungere la menta, l’olio, il sale e a vostro piacere altre spezie.
  2. Fate cucinare fino a quando la zucca e la cipolla non sono cotte
  3. Fate raffreddare e frullate il composto, allungando se necessario con acqua di cottura.
  4. Servitela ben calda, con un filo d’olio e del pane.

foto-14-12-16-11-21-48

Fateci sapere se la proverete e se vi piace!

Dott.ssa Giulia

1rm9glhv0ua-brooke-lark-1280x1920.jpg
gennaio 4, 20170

Bagordi natalizi e follie dell’ultimo dell’anno? Avete mangiato troppo panettone e adesso persino vostra nonna non vi chiede più se volete il bis? Niente paura, con l’arrivo dell’anno nuovo si dà il via anche a tutti i buoni propositi, ai progetti e, naturalmente, alla dieta.

Come fare per riprendere al meglio le sane abitudini? Noi di Personal Diet vi proponiamo il nostro personale Piano di Espiazione dei Peccati.

 

 

titu0k1e0ue-brooke-cagle

 

  1. 6 Giorni per Iniziare

Preparati a sei giorni in cui lascerai al tuo corpo il tempo di riprendersi e depurarsi.

In questi sei giorni non mangiare latticini, carne, uova, consuma solo pesce, legumi, semi e frutta secca.

  • E i carboidrati?

Sono ammessi, nei sei giorni depurativi, carboidrati da prodotti integrali (riso, farro, orzo etc) da inserire almeno a colazione e pranzo.

  • Cosa mangio a colazione?

Un tè verde, pane integrale con miele e noci sono un ottimo modo per iniziare al meglio la giornata!

  • Differenze tra pranzo e cena?

Fai un pasto completo a pranzo (ad esempio lenticchie o altre proteine, riso integrale e un’insalata verde) e un pasto leggerissimo a cena (come una vellutata di verdura – meglio se di un tipo per volta – spolverata con tre cucchiai di semi vari o accompagnata a frutta secca). Usa sempre grassi sani, ad ogni pasto! Olio extravergine di oliva, avocado, olive, frutta secca sono ottimi da accompagnare al pasto.

  • Va bene per tutti?

Si tratta di soli sei giorni depurativi, ma se fai attività fisica intensa o sei in particolari condizioni fisiologiche, anziano o bambino, parlane con il tuo nutrizionista.

  • Si tratta di un digiuno?

No, sono solo sei giorni con riduzione dell’intake calorico e dell’apporto proteico a favore dei grassi sani (dall’olio evo, dalle olive, dalla frutta secca).

  • Fai attività fisica.

Inizia col piede giusto. In questi sei giorni trova il tempo per una passeggiata di almeno trenta minuti a passo svelto.

  • Bevi molto.

Idratati, anche con thè o tisane se le gradisci di più. Il thè verde è un ottimo alleato per la depurazione del nostro organismo. Occhio alle tisane drenanti: un eccesso non è mai raccomandato!

 

  1. Sei giorni finiti. Bene, e adesso cosa faccio?

 

  • Reinserisci gradualmente i cibi che nei cinque giorni avevi allontanato;
  • Aumenta l’attività fisica;
  • Fai pasti completi e varia molto. Segui la regola del piatto ad ogni pasto: per metà riempilo di verdura, un quarto di proteine (preferendo le fonti vegetali a quelle animali senza tuttavia escluderle) e un quarto di carboidrati (di tutti i tipi, anche le patate!);
  • Iniziare a variare la colazione del mattino scegliendo tra alimenti sani (come yogurt, frutta secca, semi ma anche uova, frutta, cereali integrali di buona qualità);
  • Usa frutta e verdura per i tuoi spuntini.

Quello indicato è solo un piano per ripartire con il piede giusto, se stai già seguendo una dieta in accordo con il tuo nutrizionista, continua a farla!

Dubbi, domande, curiosità? Scrivici su personaldiet@outlook.it o alla nostra pagina Facebook Personal Diet.

 

Dott.ssa Deborah Fedele

ot6e6vi_8kk-gregory-bourolias-1280x1616.jpg
dicembre 9, 20160

Buon pomeriggio a tutti!

Stanchi delle solite colazioni, ma volete stare attenti alla linea? Allora non potete perdervi questi buonissimi Dorayaki, frittelle dolci che, in questa versione, si prestano ad esser mangiati da tutta la famiglia senza rimorsi. La ricetta, infatti, prevede solo ingredienti semplici! Ecco la lista:

  • 2 uova
  • 100 gr farina integrale
  • 30 gr zucchero di canna (oppure un cucchiaino di miele + 15 gr di zucchero)
  • 2 cucchiai di acqua (o più, a seconda del vostro impasto, che non deve risultare troppo solito).
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci.

 

PROCEDIMENTO

1.In una ciotola unire la farina, lo zucchero e il lievito.

2. Aggiungere le uova, l’acqua e, se lo avete sostituito allo zucchero, il miele.

3. Mescolare il tutto sino a creare un composto omogeneo, liscio, cremoso ma non troppo liquido.

foto-20-11-16-14-04-41

4. Laciar riposare almeno mezz’ora; se il composto riposerà di più, verrà ancora più soffice e goloso! L’ideale è preparare l’impasto la sera da cucinare il mattino dopo!

5. Cucinare su una padella antiaderente ben calda, da entrambi i lati. Con un cucchiaio, prendere una porzione di prodotto e versarla in padella. Girarla solo quando sulla superficie appariranno tante piccole bollicine.

foto-20-11-16-14-20-27

Ecco pronti i nostri Dorayaki, frittelle dolci perfette per la prima colazione!

foto-20-11-16-14-29-26

 

Sono squisite accompagnate a frutta fresca, frutta secca, marmellata 100% frutta o miele. Buon appetito!

Dott.ssa Giulia Florio